Archivi della categoria: vittimità

Come l’attivismo anti-violenza mi ha spinto a diventare un’abolizionista del carcere

Richie-Anti-Violence-activism

Traduzione di un articolo di Beth E. Richie apparso su The feminist wire

La scelta di tradurre e pubblicare questo articolo è motivata in larga misura dallo stato in cui versa il femminismo bianco, liberale e borghese, italiano e non solo. Pur nella specificità e nella diversità dei contesti cui Beth Richie fa riferimento, l’approccio del femminismo nero alla violenza offre indicazioni di analisi e di metodo molto più complesse e complete, pressocchè ignorate non solo in Italia, ma più generalmente in Europa, da quel femminismo bianco liberal-borghese che ha monopolizzato il dibattito, impoverendolo e spostandolo a destra. Quest’ultimo, infatti, è stato ridotto  ad un essenzialismo vaginale che mistifica la realtà, sorvola  sulle numerose  disuguaglianze che strutturano gerarchie di potere fra le donne stesse, invoca un ricorso sempre più massiccio alla logica della carcerabilità e tace sulla violenza che anche lo stato perpetua contro le donne, in particolare  quelle non europee,  appartenenti alle classi sociali medio-basse e non conformi al genere.  Continua a leggere →

I confini di genere dell’Europa

honeyballno-image-by-research-project-korea

Da Euronomade

Il 26 febbraio Il Parlamento Europeo ha approvato la risoluzione basata sul rapporto presentato dalla deputata laburista Mary Honeyball che, pur non avendo carattere vincolante per gli stati membri, indica le linee guida in materia di prostituzione, individuando come riferimento il cosiddetto modello nordico, cioè quello abolizionista in vigore in Svezia, Irlanda e Norvegia e da dicembre anche in Francia. Il voto sulla risoluzione, con 343 favorevoli, 139 contrari e 105 astenuti, è stato trasversale, perché in linea di massima quasi equamente distribuito tra le fila dei conservatori del centro-destra (PPE) e quelle dei Socialisti e Democratici (S&D)

Non possiamo comprendere le indicazioni politiche del parlamento europeo, se non effettuiamo una analisi della dimensione di genere dentro il piano di ri/produzione dei confini della governance europea e degli stessi confini nazionali. Continua a leggere →

Chile: risignificare l’8 marzo, giorno di lotta femminista.

y7970707798-730x350

da http://www.biobiochile.cl/2014/03/07/feministas-orinan-frente-al-sernam-para-celebrar-el-dia-de-la-mujer.shtml

Manifestando il rifiuto del ruolo svolto dal Servizio Nazionale delle donna (Sernam) nella protezione del genere femminile, un gruppo di attiviste incappucciate ieri ha realizzato un signolare atto di protesta davanti alla sede dell’organismo nel centro di Concepciòn. A giudizio del gruppo di lesbiche e femministe autonome, il Servizio nazionale della donna svolge un ruolo debole e paternalista, che perpetua la vittimizzazione delle donne, le aggressioni della polizia alle mapuche, il sessismo, la lesbofobia, la violenza di genere, il femminicidio e la negazione dell’aborto.

Continua a leggere →

Il femminismo può salvare la Francia dall’Islam: ecco il vero messaggio di Majorité Opprimée

majorité-opprimée

Traduzione di un articolo di Richard Seymour, pubblicato dal Guardian

Il video che rovescia i ruoli di genere afferma di puntare su sessismo e omofobia. Ma la sua essenza è un bigottismo di classe, razzismo e misoginia.

Il sessismo e l’omofobia nella cultura moderna sono come una “marea nera” secondo Eléonore Pourriat, regista del cortometraggio Majorité Opprimée, che ha fatto un giro virale questa settimana. Il video di 10 minuti esplora come dovrebbe essere la vita per gli uomini se i ruoli di genere fossero invertiti. Continua a leggere →

One billion Rising, Eve Ensler e le contraddizioni del femminismo carcerario*

eve ensler carceral

Da Prison Culture

Eve Ensler sembra aver scoperto la violenza di stato…per molti versi nello stesso modo in cui Colombo scoprì l’America. Si è dichiarata pronta a discutere e affrontare le conseguenze negative della criminalizzazione in aumento. Non più di qualche mese fa, il One billion rising, la campagna globale anti-violenza di Ensler, incoraggiava  le sopravvissute alla violenza interpersonale innanzitutto a riferire  di stupri e  aggressioni alle forze dell’ordine. Questa, secondo la campagna, era la strada per costringere coloro che perpetuano violenza a “farsi carico” delle loro azioni. Continua a leggere →

Forbici per tutte. Dare un taglio al sessismo dei movimenti

Compagna, non dire a voce così alta che nei centri sociali si verificano aggressioni maschiliste, questo indebolisce il movimento.  ZAC! SU TUTTA LA BOCCA

Compagna, non dire a voce così alta che nei centri sociali si verificano aggressioni maschiliste, questo indebolisce il movimento.
ZAC! SU TUTTA LA BOCCA

Continua a leggere →

Performare il confine: genere, geocorpi e tecnologia a Ciudad Juarez

Pubblicato anche da Carmilla

Come è noto, il termine “femminicidio” viene coniato per connotare le uccisioni seriali verificatesi a Ciudad Juarez, in Messico, a partire dagli anni 1993/1995, quando svariate centinaia di donne cominciarono ad essere uccise  tutte secondo una stessa modalità: donne esili, dai lunghi capelli neri, povere, soprattutto lavoratrici, più di rado studentesse,  violentate, torturate, accoltellate o strangolate ed il loro cadavere  abbandonato nel deserto. Spesso, le vittime si assomigliavano, i loro corpi ed i loro vestiti venivano ritrovati in posti diversi, oppure con indosso abiti che appartenevano ad altre donne scomparse. Molte di loro erano appena arrivate dalla città, nessuno le conosceva né ha reclamato i loro corpi. La polizia stessa non si è scomodata troppo per le indagini, così gruppi di femministe e di attiviste/i si sono fatti carico di redigere una lista di disperse, di investigare e di analizzare la serie di femminicidi.

Nel 1999 Ursula Biemann, artista, teorica e curatrice di studi su migrazioni, genere e tecnologie, ha realizzato un video-documentario dal titolo Performing the border, girato al confine tra Messico e Stati Uniti, dove le corporations americane hanno installato  stabilimenti per l’assemblaggio di componenti elettroniche e digitali. Continua a leggere →

Donne #Pd, securitarismo e salvaguardia del sedere della badante

Al di là del Buco

donnelibertàRiassumevo ieri delle donne del Pd e Snoq che a Perugia hanno invitato Loredana Lipperini a presentare il libro sul femminicidio che lei ha scritto con Michela Murgia. Come Loredana scrive nel suo report ha finito, suo malgrado, per fare la foglia di fico di un incontro in cui del libro non s’è praticamente parlato, con le presenti che si barcamenavano con argomenti alquanto opinabili per difendere il Dl Femminicidio che evidentemente non solo rivendicano ma non hanno alcuna voglia sia modificato. Alla faccia delle 60 pagine di ragioni che Barbara Spinelli ha scritto per smontare quel mostro normativo securitario e repressivo che orienta solo soldi in direzione di polizie ed esercito legittimando autoritarismi anche contro migranti (il furto di rame) e NoTav (l’uso dell’esercito per rafforzare ordine pubblico e ampliamento zone di vario interesse da mettere in “sicurezza”).

Tra tanto bla bla si è inserita dal pubblico La PantaFika (

View original post 969 altre parole

Perugia: le PDemocratiche in festa rivendicano di aver messo in sicurezza le donne

Sabato 14 settembre, alla libreria Feltrinelli di Perugia, nell’ambito della festa delle democratiche, si è tenuto un incontro a partire dalla presentazione de L’ho uccisa perché l’amavo, di Lipperini-Murgia. Partecipavano Loredana Lipperini, Maria Grazia Passuello, presidente di Solidea, l’assessora alle pari opportunità del comune di Perugia,  Lorena Pesaresi, la senatrice Maria Grazia Cirinnà e la deputata Fabrizia Giuliani, entrambe nelle rispettive commissioni Giustizia. Coordinava Maria Grazia Pugliese, PD Firenze.

Arrivo con mezz’ora di ritardo – gli autobus, a Perugia, sono vecchi, lenti, spesso si fermano per strada e ciononostante il prezzo del biglietto aumenta – e trovo una platea risicata, una trentina di persone, quasi esclusivamente donne, alcune delle quali sono facce abbastanza note, funzionarie di partito del PD. Continua a leggere →

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: