Le principesse e le bambole cadute di Dina Goldstein.

goldstein 1E’ cosa nota, almeno a chi è cresciuta, e non solo anagraficamente, da un po’, che le favole rappresentano da sempre un mezzo efficace attraverso il quale trasmettere valori, forgiare desideri, costruire immaginari. Belle addormentate nel bosco in attesa di principi a svegliarle, lupi famelici in perenne agguato nelle foreste, fanciulle che fremono per la serata di gala che potrebbe essere risolutiva per la loro vita, una vita suggellata da un lieto fine immune da ogni possibile caduta. Le favole dal lieto fine  alimentano così la nostra infanzia e spesso la ingannano, orientadola alla ricerca spasmodica della felicità  di un calzino rigorosamente appaiato, di colore rosa o azzurro secondo i sessi, naturalmente.

Una vera e propria rabbia per lo stucchevole delle fiabe a lieto fine  ha ispirato la serie Fallen princesses della fotografa Dina Goldstein, che ha reinterpretato alcune celebri storie privandole della patina melensa che le rende immuni alla contaminazione con la vita reale: sogni infranti, il cancro, l’obesità, l’estinzione di culture indigene, l’inganno di un’eterna giovinezza.

Princesas-Caídas-08

fallen-princesses-dina-goldstein-3

Dilma Goldstein costringe  chi guarda a non eludere il confronto con la realtà anche dolorosa della vita e attraverso l’obiettivo si domanda: come definiamo il concetto di bene? come facciamo a vivere una “buona” vita?

Sull’onda del successo riscosso da Fallen Princesses, Dina Goldstein ha puntato l’obiettivo contro la Barbie, uno dei simboli più potenti della cultura occidentale, l’espressione della donna perfetta e perciò ideale: giovane, magra e al tempo stesso formosa quanto basta, bionda, occhi azzurri, sempre sorridente, rigorosamente accompagnata dal suo Big Jim e, pertanto, eterosessuale. Nella serie In the dollhouse, Goldstein penetra nell’interno della casa rosa shocking che colora l’infanzia di tante bambine occidentali per ritrarre una vera e propria gabbia, non solo spazio fisico, ma anche psichico, che inchioda i suoi abitanti a dei ruoli dai quali Barbie e Big Jim tentano a fatica di uscire

Dina-Goldstein7

goldstein4

goldstein5

Non da ultimo, la fotografa rivolge la sua critica anche all’industria del giocattolo che, come Walt Disney e Mattel esemplificano bene, non si limita a fare dell’infanzia uno spaventoso business, ma, più in profondità,  codifica norme e ruoli di genere che quindi mette a valore.

Serie completa di Fallen Princesses

Serie completa di In The Dollhouse

Annunci

Una Risposta

  1. […] di questo messaggio da “fiaba moderna” da affidare all’arte di una che segua le orme di Dina Goldstein. Il principe azzurro non esiste. Men che meno esistono le […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: